"La bellezza è negli occhi di chi guarda."

Dedichero' questo blog ad atti casuali e non di arte ed espressioni in tutte le forme che riusciro' a concepire, siano esse solo idee, abbozzi o incompiuti.
Alcune volte il risultato sarà un nonsense, ad ogni modo anche cio' che non capiamo ha un suo perchè.
Il bello sta nel giocare...

mercoledì 16 gennaio 2013

Per la serie : SORRA E ( la fissa per ) GLI ALIENI.

... Immaginatevi questo.

Buio .
Sera .
Luce spenta .
Solo pensieri ...
SORRA : - BUAHAHABUAHAUBAUAHAHAH !!!!!!!!!!! -
...
Avrei dovuto essere io quella ad avere un colpo apoplettico.
Invece alzo gli occhi a forma di "?" e vedo lei che dalla sala tutta illuminata , seduta su un bracciolo del divano , mi fissa ridendo ancora e mi dice : - NO, Laura ... Tu non ti vedi : eri in piedi , al buio ... Tutta concentrata ... Quando mi sono accorta di UN 'OMBRA che stava in piedi , MI SONO SPAVENTATA .-
IO: - (...come farvi capire la mia espressione ? Non ho parlato ma LEI ha capito e...) -
SORRA : - NO NO NO... - continua scuotendo la testa e ridendo : - Non so descriverti ... SEMBRAVI UN MISTO DI ALIENO E SIGNOR BURNSUAHAHABUAHABUAHAHA !!!!!!!!!! -
IO : - Eh ? -
SORRA : - Siii ... HAI LA FORMA D 'ALIENO MA ERI TIPO " RATTRAPPITA " ALLA SIGNOR BURNS DEI SIMPSON ... Noooo ....Davvero... Tipo ( e 2 ) ... Tutta allungata sottile sottile tipo alieno ( e 3 ) con la faccia ad alieno ( e 4 ) gli occhi ad alieno ( e 5 ) MA L' ESPRESSIONE ALLA SIGNOR BURNS ( e 3 ) QUANDO " GHIGNA E SI SFREGA LE MANI "-
IO : - OO! - naturalmente fare gli occhi a palla l'ha esaltata di piu' ... Studiamo bene le reazioni di questo strano essere ancora da scoprire : SORRA .
SORRA : - Siii ( e 2 ) - e cerca l ' approvazione di chi la circonda : - VEROOOO? - ...con la sua vocina acuta che usa quando è completamente esterrefatta e " presa " da qualcosa che la entusiasma ed incuriosisce al contempo e trasforma la sua bocca in un sorriso alla "eheheh... demenziale " e NON SI VEDE MENTRE SFIDA CON I SUOI OCCHI A PALLA L' AMPIEZZA DELLA CIRCONFERENZA DEI MIEI .
Non le risponde nessuno , di fatto . Ma vedo altri 2 visi affacciarsi per vedere anche loro quello che vede SORRA .
SONO SCESI GLI ALIENI SULLA TERRA ?
SORRA : - Siii ( e 3 ) -  <------ ( Ora , ditemi se non ha qualche problema ... ) : - ... Perchè hai questa " forma "... Da alieno ( e 6 ) ma eri un misto di alieno ( e 7 ) e trasformazione " Burns "( e 4 ) ... -
...
Immaginate che la cosa , fra varie ripetizioni , è stata piu' veloce : per iscritto sembra rallentata ma, fra espressioni facciali , battute e ripetizioni da disco rotto o trauma nel cervello , la scena sarà durata forse un minuto perchè ...
IO : - RAGAZZA , NON PROVOCARMI O PRENDERO' POSSESSO DEL TUO CORPO E DEL TUO CERVELLO ... SAI CHE NOI ALIENI POSSIAMO FARLO ! -


Conclusione : con LEI sperimento , annotero' ogni sua reazione su un taccuino , se non riusciro' nell ' intento ,
ALMENO POTRA' DIRE CHE GLI ALIENI ESISTONO DAVVERO. (...hihihi ! )




martedì 15 gennaio 2013

...DI ME TAGLIATI



"... DI ME TAGLIATI "
La lama che c'è in me ha partorito brevi frasi
dedicate all 'attimo in cui mi sono lasciata cripticamente andare
ma non troppo.
Riassumo con piccole poesie che sono pensieri
quello che non mi sarebbero bastati anni ... E parole .

venerdì 11 gennaio 2013

Cosa è cosa?


Anni fà ho disegnato su un sasso per passare il tempo mentre attendevo fuori casa.
Sempre con una penna a sfera.
Da piccola ero affascinata da quei manufatti creati con comuni pietre ... Dipinte o assemblate per formare personaggi buffi... Perchè è bello osservare qualcosa e accorgersi di guardare qualcos ' altro , una forma che si trasforma ...
Anche perchè non è necessario che la realtà sia una sola , no? :)
Certo , mentre coloravo questo sasso non ho pensato in questo modo , non avevo nessuna intenzione di decorarlo veramente , di tirarne fuori un disegno .  Credevo , invece , che avrei semplicemente fatto scorrere il tempo rovinando una penna .
Poi , al solito , la cosa mi ha presa ed è uscito un disegno imperfetto , ovviamente , ma  ho voluto tenere il sasso come ricordo di quando divago soprappensiero e inizio a pasticciare anche divertendomi.
Non ho molto da spiegare , anche se ho utilizzato una penna su un sasso direi che è casuale : avevo una penna , c' erano dei sassi ai miei piedi , avevo tempo e le 3 cose non avevano alcuna connessione .
Solo , mi perdo nei ricordi .
Mi piacciono le pietre : ne raccolgo in ogni posto , scegliendo quelle che mi sembrano piu' strane e particolari e direi che ormai ho la mia piccola collezione :))
Ho riempito alcune bottiglie e contenitori con piccoli sassi a seconda dei colori e degli effetti che volevo ottenere ...Quelli grandi mi diverto a disporli in vario modo , non li assemblero' mai perchè da soli fanno già tutto , artisticamente e fantasiosamente nella loro natura ...
Ad alcuni ho dato una mano di smalto trasparente per dargli un effetto lucido - bagnato , soprattutto a quelli scuri per renderli neri all' occhio .
Di altri amo la trasparenza , la traslucidità , le stratificazioni , le venature , la composizione mista , il fatto che mi fanno fantasticare e ci vedo facce e credo che siano antichissime sculture primitive...
Sono sogni .
Anche questi .
E per loro si puo' partire da ogni cosa .
Ho postato un sasso con su un disegnino vecchio di anni e forse volevo semplicemente accennare a qualcosa di intimo .
Un accenno e basta , perchè se mi lascio andare ai sogni che sono realtà che sono infinite che essendo tali non hanno freno , in origine ... Temo non mi staccherei piu'  e chissà che discorsi folli , caotici verrebbero fuori e credo che non potrebbero , per natura , avere conclusione perchè nascono da tutto e niente e tutto e niente sono infiniti e senza regola ...
Se non quelle che imponiamo per un nostro ordine.
Io per esempio mi limito ad accenni , partendo apparentemente insensatamente da un sasso e un ricordo .
Dove stà la bellezza ?

giovedì 10 gennaio 2013

Tentativo di spiegare la tecnica con penna a sfera - cap.02

.. O, PIU' CHE ALTRO, AMPLIAMENTI E PRECISAZIONI VARIE.

Rieccomi !  =)
Pensavo : " arriverà il giorno in cui non saltero' un giorno "...  Piccolo gioco di parole. ;))
...
Non vedo l' ora di riuscire a completare il piu' possibile la pseudo - spiegazione di come faccio ad usare la penna a sfera.
Io ho notato che è difficile descriverla perchè per curiosità mi sono messa a cercare nel web se esistono altri tentativi  teorici o addirittura pagine tecniche vere e proprie su questo metodo... Risultato : o non ho cercato a fondo o non esistono vere spiegazioni se non storiche ( ho trovato una tesi e diversi siti ), tecniche ma riguardano piu' che altro i componenti che costituiscono la penna e alcuni metodi per farla scrivere quando si blocca. Ho trovato anche qualcosa sul difetto di tale strumento di fare grumi con l'inchiostro. Insomma, su come effettivamente usarla in modi alternativi, spiegandolo il piu' possibile nel dettaglio, no. ( Ma le domande esistono eccome ... E non solo su Yahoo Answers ). E' curioso.
In compenso, ho trovato qualcuno che parlava di aver scoperto l'esistenza di un certo avvocato che per hobby utilizza la penna a sfera e fa davvero  meraviglie , ecco il link :  " avvocato - artista "  e di un formidabile artista di tale strumento, ecco il link di  Juan Francisco Casas ... Disegnando iperrealisticamente assurdamente divinamente ( leggera invidia ! ). Non ho la loro pazienza nè la loro bravura.
I videos , comunque , sono piu' facili da trovare, il video è immediato per la comprensione...
Per facilitarmi io stessa potrei cercare di farne uno illustrando passo passo l'utilizzo della penna a sfera.
Credo lo faro', piu' avanti, , quando saro' piu' brava ...

Invece di inserire ampliamenti , precisazioni , probabilmente anche immagini e altro nel vecchio post , per non confondere tutto , in questa nuova pagina alias Capitolo 2 sulla tecnica con penna a sfera , prendero' frasi rimaste incomplete e parti varie del Cap.01 sulla tecnica con penna a sfera e m' impegnerò ad approfondire e a continuare a spiegare ... Credo serva anche a me stessa , in quanto , facendo molte cose in modo automatico e quindi senza pensarci troppo , non mi pongo domande o non mi osservo abbastanza ...Anzi , probabilmente lo faccio , sì , ma senza accorgermene .
Non capita anche a voi , nella vita ?

Ecco, volevo cominciare con il primo dettaglio che mi è sfuggito : una connessione fra il mio mancinismo e la penna , è che i due hanno un feeling particolare ... Si trovano comodi , sono " pappa e ciccia ", direi :  ho imparato tutto con la penna , mi sporcavo e sporcavo tutto col suo inchiostro , è semplice coi suoi pochi colori , grezza direi, quanto grezza sono io impugnando il suo corpo piu' o meno sottile ( ricordiamoci il " pennone " ), non devo usare temperini e gomme ( le ultime, anzi , sì , a modo mio ... ;)) ), ci sono altre motivazioni ma per non allungare troppo il fatto è che questo strumento , in sostanza , a me facilita il mio mancinismo ... Sento naturalezza , come quando bevo l'acqua.
Sì , piu' che con qualsiasi altro mezzo , anche se ovviamente non è l'unico.
Tutto qui.

Nel primo post , insisto sul fatto che la penna a sfera è difficile da controllare e ci vogliono decisione e fermezza : mi sono accorta che il polso conta davvero tanto in questo, anche piu' della mano, anzi direi che "dirige" la mano, in un certo senso . Il polso deve risultare fermo ma flessibile, non rigido. La flessibilità serve per dare "spazio" alla mano di muoversi liberamente ed in sicurezza.
Ho notato che per me , il polso fa da "perno", si , lo "punto" come si punta un compasso ... La mano è il braccio del compasso... Cioè "mano + penna" -----> la quale è come un prolungamento del braccio e lascia i segni desiderati.
Funziona così : il polso dà un imput , uno scatto , l'avvio alla mano ... In realtà è un tutt 'uno con la vostra testa , i vostri nervi , il cuore ( perchè no ) ... In sostanza la penna fa solo quello che le dite di fare .
Il polso serve anche per la parte importantissima delle inclinazioni che fate assumere allo strumento che tenete in mano.
Per quanto riguarda segno ed inclinazione , avevo parlato delle parti tecniche che costituiscono una penna ma non sono stata precisa : dicendo che uso la parte della punta a cono tronco cavo che contiene metà sfera della penna a sfera , ho scordato di dire che uso principalmente quel pezzo  minuscolo di solito metallico nel quale è infilata la cannuccia di plastica che contiene l'inchiostro della penna.


Ecco, con l'immagine ingrandita della punta di una penna a sfera trovata nel web , si puo' notare la parte visibile della sfera e dove essa è contenuta. Notare che le parti a cono tronco sono 2 : quello di cui io parlo e al quale mi appoggio è proprio quello che nell'immagine è piu' chiaro e direttamente a contatto con la sfera della penna ( se osservate bene ), è molto piu' piccolo e a sua volta è incastrato in un'altro cono tronco piu' largo ( nella figura è piu' scuro ). Qui si vedono bene i " gradini ", quei punti ai quali variamente mi appoggio e che mi aiutano a controllare inchiostro e segno.
Una particolarità : con certe inclinazioni non solo si lascia un segno con l'inchiostro ma esso viene " tirato " dal metallo del gradino che appoggiandosi con un certa pressione sulla carta , " incide " ed è come se cambiasse la tonalità del colore dell'inchiostro che stò usando... E' come se il metallo lasciasse giù qualcosa di suo mischiandosi all'inchiostro.
Di fatto , io lo noto quando ( ormai non piu' per caso ma apposta ) inclino la penna in modo da strisciare la parte metallica che di solito mi dà un effetto " ombroso " al colore ... " Ingrigisce", rende " fumè ".
E questa è una parte che amplia le tonalità per le sfumature, che altrimenti avrebbero un chè di piatto.

Ho accennato ai " surplus " d' inchiostro in varie forme ( sbavature, grumi, troppo liquido ... ), non ho parlato dell'effetto gomma ! Ho detto che con la penna se si sbaglia, si sbaglia. E' vero se proprio non si puo' rimediare neanche camuffando come già descritto ... Ed è anche vero che anche se esistono gomme speciali per inchiostro , esso comunque non viene cancellato e non si tenti col bianchetto su un disegno !!!! Mai !!!!!
Ma ...  La normale gomma aiuta comunque e bisogna usarla sempre ad inchiostro ancora fresco.
Per questo insisto sul non indugiare e sulla velocità . Proprio per la caratteristica di questo inchiostro studiato apposta per asciugare in fretta.
La gomma , è un altro utile stratagemma che uso sia per " schiarire " ( e così se sbaglio mi è piu' facile nascondere e " trasformare " ) , sia per " tirare " il colore e sia per sfumarlo , usando soprattutto i suoi angoli o quei lati piu' sottili che si formano su una gomma, usandola . Ogni volta che la passerete velocemente su un punto con troppo inchiostro , abbiate cura di avere con voi un panno o anche carta igienica per ripulire per bene il punto della gomma che avrete usato e sporcato con l' inchiostro e ripetete l'operazione sul disegno se ce n' è bisogno. A volte, sulla gomma l'inchiostro tende ad asciugare leggermente meno velocemente e lo potete ancora sfruttare rispalmandolo, se serve.
Insomma , uso anche la gomma come un pennello o un tampone e così i cotton-fioc , utili anche per trasportare o esportare grumi e diminuire sbavature e macchie poichè il cotone assorbe.

Per il segno modulato uso anche roteare il corpo della penna su sè stesso , come una ballerina che gira su sè stessa tante volte ... Anche questo è un metodo per controllare grumi e quant 'altro , così , mentre la sfera rotea in piu' direzioni contemporaneamente , si " ripulisce " meglio dall' inchiostro accumulato e " ripassa ", pulita , sulle linee d' inchiostro sul foglio , tirandole ed " alleggerendole " dal " di piu' ".

Anche questa " puntata ", al momento , la concludo.
Ma non è finita qui !!!!!!!!!!




domenica 6 gennaio 2013

...EVVAI DI 'BBEFABBESTIA! La Befana che c'è in me.

BUONA BEFANA DA BBEFA!!!!!

SCHIZZO IN 6B E H (che accoppiata 0o) + UN PO' DI COLORE...che non guasta.
OGGI, LA BEFANA CHE C'E' IN ME SI E' SPONTANEAMENTE MOSTRATA... LE MANCAVA SOLO LO SKATE, DAL VIVO.
Ma siccome le esperienze che ho fatto, pure se poche, mi son bastate...
VA BENE COSI'.
Un saluto grande grande !!!!! ^^


sabato 5 gennaio 2013

Tecnica penna a sfera: tavole anatomiche scolastiche.

L' anno è cominciato da pochi giorni nei quali sono stata assente in termini di "fare" (w la pigrizia !), ma sempre presente di testa, ricordando di aver lasciato in sospeso parecchio e volendo andare avanti.

Comincerò postando tre vecchie tavole dell'epoca del liceo Artistico.
Nel post dove tento di spiegare alcune cose di come uso la penna a sfera ( qui ), avevo promesso che avrei fatto vedere le prime prove di "sfumatura" con tale strumento.

Le tavole che posto sono selezionate come le meno brutte secondo me:
rivedendole noto l'insicurezza nel tratto, pur essendomici buttata a capofitto senza prevederne il risultato. Infatti all'epoca ero super soddisfatta di essere riuscita a fare cio' che per me era nuovo ed un totale esperimento.

Le prime sfumature sono linee dritte o curve in modo che seguano la forma che devono riempire e piu' o meno fitte per chiaro-scuro e volume. Allora per la muscolatura non avevo in mente al momento, altro segno.

La qualità delle foto è scarsa, se notate dei giochi di luce è perchè sulle tavole 2 e 3 è graffettato un lucido per la nomenclatura dei muscoli.

 Tav.1 - Se non ricordo male, la prima dove ho provato a colorare in questo modo.
(Lo sfondo è a matita nera e grigia su foglio ruvido).

Tav.1 ingrandita.


 Tav.2
(Sfondo colorato con Ecoline blu acquarellato su foglio liscio).



 Tav.3
(Sfondo a china acquarellata e tamponata su foglio liscio).


POST + POPOLARI